Vai al contenuto
Home » Canone di locazione ed Ires

Canone di locazione ed Ires

Canone di locazione ed Ires

Canone di locazione ed Ires: in caso di riduzione del canone di locazione è necessario un atto con data certa di fronte ai terzi. La decisione della CTR del Veneto.

Con la sentenza n. 112/2021 la Commissione Tributaria Regionale del Veneto ha stabilito che la modifica del canone di locazione registrato, ai fini della dichiarazione dei redditi IRES, deve risultare da atto con data certa. In caso contrario, si deve far riferimento alle somme indicate nell’originale accordo.

La vicenda traeva origine da un avviso di accertamento, con il quale veniva contestata la differenza tra i canoni stipulati nell’originario contratto e quelli percepiti, così come riportato nella dichiarazione dei redditi. La modifica, secondo l’Agenzia, non era stata registrata. Di conseguenza vi era l’obbligo, in capo al contribuente, di dichiarare quanto riportato nel contratto originario e non nella successiva modifica.

La Commissione Tributaria Provinciale respingeva il ricorso del contribuente, confermando l’avviso di accertamento emesso dall’Agenzia delle Entrate. Avverso tale sentenza il contribuente ricorreva alla CTR.

Canone di locazione ed Ires: obbligo di data certa sull’accordo che modifica il contratto registrato

I Giudici di appello confermano la sentenza di primo grado, sposando l’interpretazione dell’Amministrazione. In caso di contratto di locazione registrato, vi sarebbe la necessità di attribuire all’atto di modifica una data certa, mediante ad esempio la registrazione.

Quanto sopra risponderebbe alle esigenze probatorie previste dalla normativa. L’art. 26 del D.P.R. 917/86 (TUIR), infatti, prevede che i redditi fondiari concorrano alla formazione del reddito indipendentemente dalla loro effettiva percezione. Di conseguenza, vi è la necessità di attribuire all’atto di modifica contrattuale data certa di fronte ai terzi.

Ai fini della dichiarazione dei redditi, la data certa da cui possono farsi valere le modifiche contrattuali è attribuibile non solo con la registrazione, ma in tutti i modi previsti dalla legge (scrittura privata autenticata, atto pubblico).

Di conseguenza, ove manchi tale data certa all’atto di modifica del canone di locazione, dovrà indicarsi in dichiarazione quanto previsto nell’originale contratto registrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: