Vai al contenuto
Home » Droni e privacy

Droni e privacy

Droni e privacy

Droni e privacy: l’uso degli aeromobili a pilotaggio remoto richiede la conoscenza ed il rispetto della normativa sulla privacy.

Con il diffondersi degli aeromobili a pilotaggio remoto, si è fatta sempre più complicata la valutazione circa il rispetto della privacy. Questo anche alla luce della normativa europea sulla privacy (il Gdpr), la quale si è aggiunta alle regole nazionali.

L’utilizzo di un drone, dotato di telecamera e/o altri dispositivi di registrazione, può creare dei rischi relativi alla privacy dei soggetti terzi. Questo in quanto è possibile che, nell’utilizzo, si incorra nella registrazione di possibili dati sensibili appartenenti a tali terzi.

I due testi normativi fondamentali in materia sono il Codice in materia di tutala dei dati personali (D.Lgs. 196/2003) ed il nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati (Gdpr).

Droni e privacy: le regole fondamentali

In primis, occorre sottolineare che ogni drone dotato di dispositivi in grado di catturare immagini, suoni e dati deve essere preventivamente registrato secondo la normativa Enac. A tale regola sono esentati solo i droni rientranti nella categoria “giocattoli“.

Ma non solo: chiunque utilizzi un drone deve, quale regola generale, tenere presente che la raccolta e diffusione di immagini può avvenire solo con il consenso dei soggetti ripresi.

Fondamentale inoltre, prima di effettuare riprese in modo diretto, acquisire il consenso dei soggetti interessati, in maniera preventiva. In tal modo si renderà legittimo l’eventuale trattamento dei dati personali. Tale regola è ribadita anche dal Regolamento UAS-IT emanato dall’ENAC, il quale fa riferimento anche ai D.Lgs 196/2003 ed il Regolamento Eu sul Gdpr.

Ai fini ricreativi, il Garante della privacy, ha creato delle semplici regole da seguire, le quali sono riportate nelle infografiche del sito web dell’Autorità.

Nell’ipotesi in cui si ritenesse di essere stati vittime di violazioni della propria privacy, è sempre possibile rivolgersi al Garante o, in alternativa, all’Autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: