Vai al contenuto
Home » Ecobonus ed impianti di riscaldamento

Ecobonus ed impianti di riscaldamento

Ecobonus ed impianti di riscaldamento

Ecobonus ed impianti di riscaldamento: possibile usufruire dell’agevolazione al 65% per gli impianti di riscaldamento.

Il c.d. ecobonus al 65% è un’agevolazione che comporta una detrazione sull’imposta lorda riconosciuta a seguito di interventi per il contenimento dei consumi energetici. Tali interventi di riqualificazione energetica devono essere effettuati su edifici esistenti.

L’agevolazione è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficenza energetica. In particolare, è possibile ottenere il beneficio quando si procede con la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento.

Possibile, pertanto, beneficiare del bonus anche in caso di acquisto di stufe e/o impianti di climatizzazione invernale.

Primo requisito risulta essere quello di procedere con l’intervento edilizio su edifici esistenti ed accatastati alla data di inizio dei lavori. I fabbricati, pertanto, devono essere esistenti (vedi Circolare Agenzia delle Entrate n. 36/E del 31 Maggio 2007).

Quanto alla definizione di impianto termico, questo è un impianto tecnologico destinato a servizi di climatizzazione degli ambienti, pertanto anche mediante climatizzazione invernale. L’impianto può o meno produrre acqua calda sanitaria. Ricompresi pertanto anche gli impianti individuali di riscaldamento quali stufe a legna, stufe a pellet, caminetti e termocamini (purché siano fissi e non mobili).

Al contrario, non rientrano negli impianti termici gli impianti dedicati alla produzione esclusiva di acqua calda sanitaria.

Ecobonus ed impianti di riscaldamento: requisiti ulteriori

Quanto agli impianti di climatizzazione invernale, la detrazione per le spese sostenute è pari al 50% in caso di caldaie a biomassa o caldaie a condensazione. In caso di caldaia a condensazione, questa deve essere di efficienza energetica almeno pari alla Classe A.

Ove però, oltre alla Classe A, l’impianto a condensazione sia dotato di sistemi di termoregolazione evoluti, la detrazione riconosciuta è elevata al 65% della spesa sostenuta. Ugualmente, viene riconosciuta una agevolazione al 65% per i generatori di aria calda a condensazione nonché per le pompo di calore.

L’agevolazione fiscale consiste in una detrazione dall’Irpef o Ires, pertanto una decurtazione dell’imposta dovuta. Quanto al valore massimo dell detrazione, la stessa è di euro 30.000.

Le detrazioni, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo, variano a seconda che l’intervento riguardi la singola unità immobiliare o gli edifici condominiali e dell’anno in cui è stato effettuato.

Resta fermo, in ogni caso, l’obbligo di invio all’ENEA della comunicazione relativa all’intervento realizzato. Un tecnico abilitato deve inoltre attestare la corrispondenza degli interventi ai requisiti tecnici richiesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: