Vai al contenuto
Home » Imposta sugli intrattenimenti e go-kart

Imposta sugli intrattenimenti e go-kart

Imposta sugli intrattenimenti

Imposta sugli intrattenimenti e go-kart: sconta l’imposta l’attività di noleggio a scopo professionale ed agonistico di go-kart. La decisione della CTR del Veneto.

Con la pronuncia n. 905 del 20/07/2021 la Commissione Tributaria Regionale del Veneto ha stabilito che l’attività di noleggio professionale di go-kart sconta l’imposta sugli intrattenimenti, risultando tale attività non qualificabile come spettacolo.

La vicenda originava da un’avviso di accertamento ed intimazione, mediante i quali si rettificava la dichiarazione Iva di una società di noleggio go-kart. Con i medesimi avvisi veniva inoltre richiesto il pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti.

La società si difendeva, con ricorso presso la CTP competente. In particolare, si sosteneva l’esenzione dall’imposta in questione in quanto l’attività doveva essere qualificata come “spettacolo viaggiante” e non noleggio.

In primo grado la Commissione Provinciale accoglieva le ragioni del contribuente. L’Agenzia delle Entrate procedeva, pertanto, con l’impugnazione della sentenza.

Imposta sugli intrattenimenti: la decisione della Commissione Veneta

La Commissione Tributaria Regionale del Veneto accoglie il ricorso dell’Agenzia delle Entrate, riformando la sentenza di primo grado. Evidenziano i giudici che l’attività svolta dalla società risulta essere il noleggio, il quale non è qualificabile come spettacolo. La stessa pertanto dovrà ritenersi attività di intrattenimento, in quanto comporta un ruolo attivo dell’utilizzatore del mezzo (la guida del go-kart).

Ai fini fiscali non ha rilievo né l’autorizzazione amministrativa data dalla società, nè la qualificazione data al contratto stipulato con gli utilizzatori della struttura gestita dalla contribuente, ma la reale tipologia di servizi forniti.

Di conseguenza, in tali condizioni, la guida dei go-kart da parte dei clienti non consente di configurare l’attività come “grande attrazione” ma come “intrattenimento”. Pertanto, la stessa dovrà essere assoggetta al pagamento della relativa imposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: