Vai al contenuto
Home » Pendenza dei ricorsi in Cassazione per la definizione

Pendenza dei ricorsi in Cassazione per la definizione

Pendenza dei ricorsi in Cassazione per la definizione

Pendenza dei ricorsi in Cassazione per la definizione: con un emendamento al Decreto Aiuti Bis viene abrogato il termine del 15 Luglio 2022 presente nel comma 5 della Legge 130/22. Sono da considerarsi pendenti le liti il cui ricorso è notificato alla controparte entro e non oltre il 16 Settembre 2022.

Con l’approvazione del nuovo Decreto Aiuti Bis il governo ha posto rimedio al chiaro contrasto presente nella Legge 130/2022 circa la definizione delle liti pendenti in Cassazione, il quale stava suscitando non pochi problemi tra gli operatori del diritto.

L’approvata riforma del processo tributario, infatti, ha previsto la definizione agevolata dei giudizi tributari pendenti innanzi alla Corte di Cassazione. In particolare, l’art. 5 comma 1 prevedeva, per le controversie tributarie pendenti alla data del 15 Luglio 2022 innanzi alla Corte di Cassazione, la definizione della lite a richiesta del contribuente.

Ma tale norma si poneva in aperto contrasto con il successivo comma 4, creando sin da subito forti dubbi interpretativi.

Pendenza dei ricorsi in Cassazione per la definizione: l’intervento del Governo con il Decreto Aiuti Bis.

In particolare, il termine indicato del 15 Luglio si poneva in contrasto con quanto previsto nel precedente comma 4 dell’art. 5. Secondo la norma le controversie tributarie pendenti in Cassazione, ai fini della possibile definizione, sono da individuarsi nei procedimenti per i quali il ricorso è notificato alla controparte entro la data di entrata in vigore legge. Conseguentemente, sono pendenti le liti il cui ricorso è notificato entro e non oltre il 16 Settembre 2022.

Si ricorda, inoltre, che la definizione è possibile, alle sole condizioni previste (vedi qui per approfondimenti), salvo non sia intervenuta nel frattempo una sentenza definitiva a definizione della lite.

Con l’abrogazione del riferimento (alla data 15 Luglio 2022) contenuto al comma 1, la pendenza della lite, necessaria per accedere alla definizione, è data dalla notifica del ricorso in Cassazione alla controparte, la quale dovrà avvenire entro e non oltre il 16 Settembre 2022.

Infine, si ricorda che l’adesione alla definizione agevolata delle liti tributarie comporta la rinuncia ad ogni eventuale pretesa di equa riparazione, secondo quanto previsto dalla Legge n. 89/2001. Rimangono inoltre a carico della parte anche le spese del giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: