Vai al contenuto
Home » Regime fiscale del patto di famiglia

Regime fiscale del patto di famiglia

Regime fiscale del patto di famiglia

Regime fiscale del patto di famiglia: norme fiscali applicabili all’istituto del patto di famiglia, alla luce delle finalità dell’istituto.

Il patto di famiglia è un istituto di fondamentale importanza nel nostro ordinamento (per approfondimenti vedi qui). Il contratto, infatti, ha lo scopo di tutelare l’imprenditore ed in particolare la prosecuzione dell’impresa tra le generazioni. Evidente pertanto la sua valenza per l’ordinamento, anche alla luce dell’interesse generale alla prosecuzione ed incentivazione delle imprese.

Con il patto l’imprenditore trasferisce in tutto o in parte la propria azienda (o le partecipazioni sociali) ad uno o più dei propri discendenti. Al contempo i soggetti legittimari, non assegnatari dell’azienda, riceveranno una quota di pari valore.

Stante la sempre maggiore diffusione del contratto, risulta centrale lo studio del regime fiscale al quale viene sottoposto. Il patto di famiglia, per la sua natura, rientra fiscalmente nella disciplina delle donazioni. Di conseguenza, si applicherà la relativa imposta secondo quanto previsto dal Testo Unico n. 346/90.

Regime fiscale del patto di famiglia: la disciplina specifica

Entrando nel dettaglio del regime fiscale, l’attribuzione fatta dall’imprenditore all’assegnatario beneficia dell’esenzione prevista dall’art. 3, comma 4 ter del Testo Unico n. 346/90. La norma prevede che i trasferimenti effettuati tramite patti di famiglia, in favore di discendenti, di aziende o quote sociali non siano soggetti all’imposta sulle donazioni.

Per godere dell’esenzione i beneficiari del patto sono tenuti a proseguire l’esercizio dell’attività di impresa o detenerne il controllo (se si tratta di partecipazioni sociali) per almeno 5 anni. Gli stessi, inoltre, devono dichiarare all’atto della stipula del patto che intendono rispettare tale condizione.

A conferma di quanto sopra anche la Giurisprudenza della Corte di Cassazione (su tutte, la sent. n. 29500/2020).

Quanto alla liquidazione della quota di legittima fatta dal legittimario assegnatario ai legittimari non assegnatari è assoggetta all’imposta sulle donazioni. A supporto di quanto sopra anche le Circolari n. 3/E del 22.1.2008 e n. 18/E del 29.5.2013 dell’Agenzia delle Entrate.

Infine, nel caso in cui no dei legittimari non assegnatari proceda alla rinuncia della propria liquidazione, questa sconterebbe solo l’imposta di registro in misura fissa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: